Mediation4Roma e il Difensore dei Cittadini – Ombudsman della Provincia Autonoma di Vojvodina

This post is also available in: Inglese, Francese, Spagnolo, Romani, Rumeno, Serbo

Bz-P9m5IgAAf9mwIl team di Mediation4Roma ha presentato la proposta di riconoscimento ufficiale della qualifica di mediatore Rom all’Ufficio del Difensore Pubblico della Provincia Autonoma della Vojvodina. Uno degli obiettivi del progetto è, infatti, creare per i mediatori uno spazio nella società al fine di farli diventare un ponte tra i decisori politici e le comunità.

Bz-Y-WrIQAAUD8kPer quanto riguarda la situazione in Serbia, esiste una normativa gradualmente sviluppata e inserita in un quadro istituzionale per migliorare le difficoltà economiche e la posizione sociale dei rom, adottata dal governo nel 2009. Questo è un chiaro esempio di atto di inclusione sollecitato dalla dichiarazione del decennio di inclusione dei rom (2005-2015).

In particolare, a livello locale, la Serbia ha 25 autonomie locali che si occupano di diverse questioni specifiche nel campo della mediazione. Ad esempio, i governi locali stanno etichettando lo status dei coordinatori Rom, che tutelano i diritti delle minoranze Rom nazionali e si occupano delle attività elettorali (Consiglio Nazionale delle minoranze nazionali). In relazione con l’etichettatura dello status dei coordinatori Rom, ci sono solo risultati preliminari e la questione non è stata ancora regolamentata. Chiarire, a questo punto, la formazione Mediation4Roma può aiutare notevolmente questi coordinatori Rom ad essere certificati e ad ottenere l’accreditamento ufficiale per lavorare nelle istituzioni locali.

Alla conferenza di presentazione del progetto è stato inoltre invitato l’Ufficio Provinciale per l’Integrazione dei rom che ha spiegato ai presenti che “Il giusto modo per uscire dal circolo della povertà è includere i rom nel sistema scolastico e avvicinarli alle istituzioni pubbliche”. Da un lato essi rappresentano un ponte fondamentale tra i governi e le comunità e sono un servizio per la comunità stessa. Dall’altro, i referenti aiutano le amministrazioni da quando queste si occupano delle questioni che riguardano i rom.

Il rappresentante del PORI ha detto che attualmente i coordinatori rom sono presenti in 13 municipalità.

Di seguito, il video di KANAL 9 da Novi Sad.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *