La Ombudswoman Deputata forma i Mediatori per i Rom

RomaIl 28 luglio, Novi Sad è stata la sede del terzo modulo della formazione sulla mediazione VET4 con i mediatori interculturali per i Rom in materia di assistenza sanitaria, alloggi, occupazione e l’istruzione. Circa 20 mediatori interculturali ha partecipato alla formazione e hanno avuto la possibilità di parlare con Eva Vukasinovic, Difensore civico Deputato per la Protezione delle Minoranze Nazionali presso il Protettore Provinciale dei Cittadini – Ombudsman (PPCO) e conoscere meglio la giurisdizione e il lavoro di questa istituzione. Il Deputato Vukasinovic li ha introdotti ai modi e alle procedure che possono essere utilizzati dal meccanismo del difensore civico a tutela dei diritti umani, specialmente in riferimento a questioni abitative.
La formazione dei mediatori interculturali è una parte del progetto internazionale VET4 di mediazione con i Rom, sostenuto dal programma Lifelong Learning della Commissione Europea e realizzato in Spagna, Belgio, Italia, Romania e Serbia. Il PPCO ha sostenuto questo progetto, insieme con l’Ufficio di inclusione dei Rom del Governo della Vojvodina, lo strumento PGF, Open Society Foundation e il know-how Center di Novi Sad.

EvaIl progetto mira a promuovere la mediazione e l’empowerment dei mediatori, così come quello di donne e uomini Rom, attraverso la formazione e il rilascio del certificato di mediatore, al fine di stimolare l’impegno dei mediatori interculturali nelle comunità locali, specialmente in quelli con una percentuale significativa di popolazione Rom.

VET4ROMA 30 mediatori hanno partecipato alla formazione a Roma

Nelle prime settimane di luglio, a Roma, si è conclusa la prima fase di formazione prevista dal progetto europeo VET4ROMA. 30 mediatori che lavorano con le comunità rom hanno partecipato al corso, organizzato dal partner italiano Arci Solidarietà Onlus.

IMG-20150610-WA0002

Nel corso degli incontri in aula i temi trattati sono stati la comunicazione efficace e l’ascolto attivo, la mediazione interculturale e la mediazione con le comunità rom.

In particolare, in Italia, ci si è concentrati sull’attuale situazione dei campi e del Progetto di Scolarizzazione dei minori e adolescenti rom, del quale l’associazione si occupa da vent’anni e nel quale sono impegnati la maggior parte degli operatori coinvolti nella formazione.

I mediatori culturali in ambito sanitario con la comunità Rom continuano a lavorare

Jul2015ZM2I mediatori culturali in ambito sanitario, donne che aiutano donne e uomini Rom a mantenere e migliorare il loro stato di salute e la comunicazione con la sanità, continueranno nel loro impegno. La firma di un memorandum di collaborazione tra il Ministero della Sanità, Telenor e UNICEF permetterà di continuare la collaborazione avviata nel 2008.

In Serbia sono 140.408 i Rom che vivono in insediamenti non igienici, in baraccopoli. 50.754 di questi sono bambini, mentre altri 46.453 sono donne. Proseguire il progetto di Collegamento faciliterà una comunicazione migliore, più efficiente, tra le comunità locali, la popolazione rom, i mediatori sanitari che lavorano con loro e la sanità. Nel 2008, il Ministero della Sanità ha avviato un progetto di mediazione in ambito sanitario coinvolgendo le donne provenienti da comunità di base nella promozione della salute della popolazione Rom, recandosi negli insediamenti Rom ed informando le persone riguardo alla necessità di aumentare la loro consapevolezza verso la la salute, l’importanza della vaccinazione, una corretta dieta e igiene. Continue reading

Formazione per Mediatori Interculturali

L’ONG “Work in Progress” organizzerà una formazione per mediatori interculturali a Novi Sad nei mesi di giugno e luglio 2015. La formazione fa parte del progetto internazionale VET4 Mediation with Roma attuato in Spagna, Belgio, Italia, Romania e Serbia, con il sostegno del Lifelong Learning Programme della Commissione Europea e in collaborazione con Protettore Provinciale dei Cittadini – Ombudsman, l’Ufficio di inclusione dei Rom della Provincia Autonoma della Vojvodina e lo Strumento PGF (Project generation facility, Utilizzare al meglio il Fondo europeo per i Rom) dell’Open Society Fondazione che ha co-finanziato il progetto.
L’obiettivo di questo progetto è il rafforzamento della mediazione e del capacity building dei mediatori, contribuendo all’empowerment delle donne e degli uomini Rom e la loro certificazione come mediatori al fine di facilitare l’impegno dei mediatori interculturali nelle comunità locali, in particolare quelli con una percentuale significativa di Rom.

Continue reading

Coordinatori per le questioni Rom in Dire Straits

 

04.03.2015. Radio Ozon - Saradnik Pokrajinskog ombudsmana posetio Sremsku MitrovicuNonostante gli obblighi della Repubblica di Serbia che si basano sui documenti internazionali sui diritti umani e delle minoranze ratificati, nonché sul Decennio Rom, la posizione dei coordinatori per le Questioni Rom (Coordinators for Roma Issues – CRIs) nei confronti delle autonomie locali della Provincia Autonoma di Vojvodina è ancora difficile, tendente all’estenuante.
I CRIs sono spesso l’unico collegamento tra la comunità locale rom e le autorità, istituzioni e servizi statali. Gli incontri con le CRIs locali nella PA di Vojvodina hanno dimostrato che la maggioranza di loro lavora part-time in questa posizione nei comuni da diversi anni, il che è contrario alla normativa. Una parte significativa di loro non è ancora impiegata a tempo pieno con i governi locali, nonostante i diversi anni part-time o di volontariato in questa posizione.

Continue reading